martedì 14 luglio 2015

New Horizons su Plutone

E il blogger dov'è?
Due mesi abbondanti senza scrivere niente, povero blog.
Perché? Boh, soliti motivi, poco tempo e la errata convinzione di dover per forza scrivere una lenzuolata.


Per tornare in pista, approfitto dell'arrivo di "New Horizons" nei pressi del pianeta nano Plutone, fornendocene immagini spettacolari. A bordo della sonda americana ci sono alcuni oggetti particolari:
1. Le ceneri di Clyde Tombaugh, lo scopritore di Plutone
2. I nomi dei 430,000 partecipanti al progetto "Manda il tuo nome su Plutone"
3. Foto di tutte le persone coinvolte nel progetto New Horizons 
4. Un quarto di dollaro della Florida, da dove New Horizons è stata lanciata
5. Un quarto di dollaro del Maryland, dove New Horizons è stata costruita
6. Un piccolo pezzo di  SpaceShip One, il primo mezzo per volo spaziale finanziato da privati 
7. Due bandiere americane
8. Un francobollo americano del 1991 che dichiara “Plutone: non ancora esplorato” 



Plutone è un (ex) pianeta molto particolare. Scoperto nel 1930 da Clyde Tombaugh e considerato inizialmente uno dei nove pianeti del sistema solare, il più distante dalla stella, nel 2006 perse il "titolo" a causa della nuova definizione data dall'Unione astronomica internazionale. Dal 24 agosto 2006 occorre soddisfare tre condizioni: 
1) essere in orbita attorno al Sole 
2) avere una massa sufficiente affinché la propria gravità possa vincere le forze di corpo rigido, e assumere quindi una forma di equilibrio idrostatico (quasi sferica) 
3) avere ripulito le vicinanze intorno alla sua orbita.
Plutone non soddisfa il terzo requisito, in quanto la sua massa è solo 0,07 volte quella degli altri oggetti della sua zona orbitale (in confronto, la Terra ha una massa 1,7 milioni di volte quella degli altri oggetti nella sua orbita). Il 13 settembre dello stesso anno l'UAI, ha dunque riclassificato Plutone inserendolo tra i pianeti nani (il secondo più massiccio del sistema solare) e rinominandolo formalmente 134340 Pluto.

Mentre gli 8 pianeti "canonici" seguono orbite quasi circolari attorno al Sole, vicino a un piano di riferimento chiamato eclittica, l'orbita di Plutone è molto inclinata rispetto all'eclittica (di oltre 17°) e altamente eccentrica. Questa elevata eccentricità è la causa per cui Plutone, per un breve periodo della sua rivoluzione, si trova più vicino al Sole di Nettuno. 

L'orbita anomala di Plutone (in rosso) rispetto all'eclittica
Fonte: wikimedia.org



Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...