mercoledì 18 marzo 2015

Dylan Top - Topolino omaggia Dylan Dog

Ho letto con piacere "L'alba dei topi invadenti", divertente parodia-omaggio di Dylan Dog pubblicata su Topolino. Anche le altre storie del n. 3094 del settimanale sono di buona qualità (a partire dalla prima puntata dell'adattamento de "L'isola del tesoro", che apre l'albo). 

 La prima pagina delle storia "L'alba dei topi invadenti" (fonte: comicus.it)


Fin dal titolo, la parodia si ispira al mitico numero 1 di Dylan Dog, "L'alba dei morti viventi". La storia è curata da tre artisti con esperienze su entrambe le testate. Soggetto di Roberto Recchioni, attuale curatore di Dylan Dog. Testi di Tito Faraci, sceneggiatore di diverse testate Bonelli e Disney, di Diabolik, nonché autore di alcune storie di Spider-Man, Devil & Capitan America. Tavole di Paolo Mottura, che disegna per numerose testate Disney, oltre che per l'indagatore dell'incubo.


Le parodie Disney, numerosissime, raramente hanno toccato altri comics, concentrandosi prevalentemente su opere letterarie "classiche". Nel caso specifico, l'idea di incrociare due dei personaggi cardine del fumetto italiano circolava dagli anni 90. Topolino, per le analogie già accennate, si prestava sicuramente meglio di Paperino. L'ostacolo dei temi poco adatti al mondo Disney, e in particolare dei morti viventi protagonisti della storia omaggiata, è stato superato da Recchioni sostituendo gli zombi con i topi invadenti. I riferimenti al numero uno di Dylan Dog sono molti, anche a livello di singole vignette o dettagli: rimando all'interessante lavoro di fumettologica.it che ne mette in evidenza 18 (16 vignette, la copertina e un "bonus").

 Una delle "citazioni" a confronto con la tavola originale (fonte: fumettologica.it)


IL "CAST"

Topolino è Dylan Top, "indagatore da incubo". Molti i punti in comune con Dylan Dog, citati esplicitamente nella storia. 
Pippo è a suo agio nei panni di Groucho.
Minni è la cliente/love interest (nell'originale era Sybil Browning), tormentata dall'invadente fidanzato Topesio (John Browning nel n. 1 di Dylan Dog).
Basettoni naturalmente prende il posto di Bloch ed è assistito da Manetta/Jenkins.
Macchia Nera, com'era prevedibile, è stato scelto per interpretare Xabaras (con lo pseudonimo John Black). Tra le sue vittime, Orazio.



UN'OPERAZIONE RIUSCITA

Credo che questa parodia sia, oltre che una buona operazione di marketing, una storia di qualità, con più livelli di lettura in grado di attirare lettori di età e caratteristiche diverse (nel caso specifico naturalmente l'occhio è strizzato ai lettori di Dylan Dog): la storia è godibile per i bambini, il target "tipico" di Topolino, ma contiene elementi che rendono la lettura interessante per gli adulti, a partire naturalmente dai riferimenti al genere horror e alla testata omaggiata. Alcuni sono piccoli, quasi nascosti, tanto per il lettore più curioso (o più appassionato di Dylan Dog) sono uno stimolo alla ricerca e alla ri-lettura. Un omaggio particolarmente gustoso viene svelato nelle pagine di approfondimento (opportunamente collocate dopo la storia). Divertente la caratterizzazione dei topi invadenti, che passa in particolare attraverso manie moderne "parodiate" (es. i social network come Squitter e Facetop, la serie televisiva "Last").

Di Topolino 3094 esiste una versione con copertina variant che riprende la cover del n. 1 omaggiato. Distribuita in anteprima nei giorni scorsi a Cartoomics, sarà in vendita in fumetteria a 5 euro (contro i 2,50 del Topolino "ordinario").

La copertina "variant" di Topolino n. 3094 e quella del n. 1 di Dylan Dog (fonte: fumettologica.it)



Massimo

2 commenti:

pietroizzo ha detto...

Bello, è in edicola adesso? Lo prenderò. Una vita che non compro Topolino...

Massimo Sola ha detto...

Teoricamente oggi (mercoledì) esce quello nuovo (ho scritto sulla dead-line :-)), ma credo che si riesca a recuperare: in edicola se non è andato esaurito, altrimenti in fumetteria c'è la versione variant

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...