giovedì 21 novembre 2013

Agents of Shield si intreccia con Thor - The Dark World

EDIT: ieri è uscito in Italia "Thor - The Dark World" e "si è reso disponibile" l'episodio di "Agents of Shield" con cui si intreccia. Il collegamento tra il film e la serie era una buona trovata di marketing, ma alla prova dei fatti molto deludente, secondo fonti autorevoli, L'antro atomico del dottor Manhattan e IGN. Per ora non ho visto il film, ma posso dire che la puntata di AoS mi ha garbato, molto più calata del solito nell'universo Marvel.

Nota tecnica: ho scoperto che modificando un'etichetta di un post (per uniformarla con una analoga già usata), quest'ultimo acquisisce come data quello della modifica, risultando così appena pubblicato...

Le novità su "Age of Ultron" sono poche, ma si parla abbastanza apertamente di un film sugli Inumani, e ci sono interessanti notizie sul fronte di Agents of Shield. Prossimamente, due parole anche su "X-Men - Giorni di un futuro passato".

"Avengers: Age of Ultron"
James Spader, come prevedibile, non presterà solo la voce a Ultron, ma reciterà e i suoi movimenti ed espressioni saranno riversati sul personaggio tramite la motion capture (in maniera simile a quanto fatto con Mark Ruffalo per Hulk).


Il tentativo di sapere da Chris Hemsworth qualcosa in più sul seguito di Avengers è naufragato: l'attore che interpreta Thor non ha voluto rivelare dettagli, ha affermato di aver appreso dall'annuncio fatto al ComiCon il titolo del sequel, e soprattutto ha ammesso di non avere idea di chi sia Ultron...
 


Riguardo le origini di Ultron, rimane un'ipotesi quella di "Jarvis", anche se Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, ha parlato di "Vendicatori che si riuniscono per una minaccia che vedono arrivare", lasciando intendere che il villain avrà un'origine non improvvisa, e forse sarà un "umanoide", o meglio non sarà tanto un robot quanto un cyborg (discostandosi così ancora di più dal fumetto, dove è un robot creato da Hank Pym). Inoltre circola l'ipotesi di un indizio importante su Ultron già nei film Marvel della fase 2.

Confermati i nomi dei due attori che interpreteranno Scarlet e Quicksilver, Elisabeth Olsen e Aaron Johnson. L'informazione più curiosa riguarda la natura dei loro poteri. I Marvel Studios non possono citare i mutanti (i cui diritti sono in mano alla Fox), come ha dichiarato espressamente il produttore esecutivo Maurissa Tancharoen (“We can never use the word ‘mutant’”). Di conseguenza, come già scritto in precedenza, i due personaggi non possono essere rivelati come figli di Magneto (anch'egli in mano alla Fox), e non saranno chiamati con i nomi "da mutanti" ma con i nomi "anagrafici", Wanda e Pietro Maximoff. 
Come giustificare allora i poteri del duo? Una spiegazione "fantasiosa" apre una prospettiva interessante (sebbene abbastanza anomala rispetto ai fumetti Marvel): i due fratelli potrebbero essere definiti come "Inumani". E' piuttosto probabile che alla specie creata gli alieni Kree venga presto dedicato un film. Quest'ultima ipotesi è stata fatta sia da Stan Lee, in un'intervista di TooFab.com, sia da Kevin Feige, che ha accennato al loro ingresso nell'universo cinematografico Marvel nel prossimo futuro.
Trattandosi di una questione meramente semantica, al momento la versione più attendibile sembra quella di Comicbook.com: per definire diversamente i mutanti la Marvel avrebbe depositato il termine "registered gifted". L'espressione probabilmente sarà usata per la prima volta nella serie televisiva "Agents of S.H.I.E.L.D."

Fonte: sonsofcorax.files.wordpress.com


"Agents of S.H.I.E.L.D." e "Thor - The Dark World"
Non avevo ancora parlato della serie dedicata alla squadra di Phil Coulson - teoricamente deceduto in "The Avengers" - ma la sto seguendo. Il dottor Manhattan (che a Lucca Comics and Games ha presentato "Per il potere di Grayskull!" il suo libro sugli anni '80 in uscita a inizio 2014), ne parla settimanalmente: finora Agents of SHIELD viene giudicata - un po' da tutti - piuttosto deludente, sia come serie sia per i pochi riferimenti all'Universo Marvel. 

Qualcosa potrebbe cambiare con "The Well", l'ottavo episodio, che sarà trasmesso negli Stati Uniti il 19 novembre: la puntata, scritta da Monica Owusu-Breen (Lost, Fringe) e diretta da Jonathan Frakes (attore e regista di lungometraggi di Star Trek), mostrerà le conseguenze di quanto accade nel film "Thor - The Dark World" (già uscito in alcuni Paesi europei, nelle sale americane dall'8 novembre, in quelle italiane dal 20): la squadra dell'agente Coulson dovrà gestire uno strano oggetto di origine asgardiana (o creato dagli elfi oscuri di Malekith) probabilmente abbandonato durante la battaglia di Londra.




Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...