sabato 23 aprile 2011

Un quartiere da barattare...


Come si temeva, la presidenza della C
ircoscrizione 2 non è andata al PD ma a una forza che, per ragioni sue di cui però la coalizione avrebbe dovuto tenere conto, non ha indicato una persona rappresentativa del territorio. La carica è andata a Italia dei Valori, e già su questa scelta, alla luce della storia recente della Circoscrizione, si potrebbe discutere. La persona indicata è Antonio Punzurudu, attuale coordinatore cittadino del partito di Antonio Di Pietro. Non residente storico della 2, per usare un eufemismo.

Le trattative tengono conto di tanti fattori, alcune nobili, altre pratiche: ragioni del partito, delle correnti, le trattative con gli altri partiti, questioni più "alte", accordi su piani superiori (Comune, assessorati, sottogoverno, partecipate, altre elezioni, incarichi). Ma quando sistematicamente le ragioni del buonsenso soccombono a "quelle altre", l'irritazione è profonda. Non vedo tracce di sforzo per coniugare questi fattori con il bene del territorio. E la scusa "il PD non si intromette nella scelta del nome degli altri partiti" non regge. Così come l'unanimità dei Circoli "premiati", non pervenuta.

A parte la 10 che non era molto ambita, il PD si è tenuto tutte le Circoscrizioni sicure, tranne questa. Confermate al PD anche Circoscrizioni che hanno avuto per dieci anni lo stesso presidente, ora candidato in Comune. Probabilmente il PD ha provato a regalare la 2 a tutte le forze non rappresentative del territorio. E il gran finale è stato regalarlo nientepopodimeno che a Italia dei Valori, probabilmente un premio per il lavoro svolto per l'unità della maggioranza della Circoscrizione.

Quel che è chiaro è che la 2, Mirafiori Nord-Santa Rita, continua ad essere merce di scambio, di cui però il PD si ricorda bene quando bisogna dare un collegio sicuro ai segretari. La 2 è l'unica Circoscrizione "sicura" che i democratici (e i loro "antenati") concedono agli alleati. Con l'aggravante che viene ancora una volta mandata una persona che abita in un'altra zona della città, e dovrà quanto meno partire da zero per conoscere Mirafiori Nord, Santa Rita, le loro realtà e le loro esigenze.

E' sempre più chiaro quanto poco conti "in centro" il lavoro fatto dal partito (e dai partiti) sul territorio. C'è anzi il sospetto che viga la demeritocrazia. Come 5 anni fa, si riparte da zero. Buon lavoro al candidato presidente, buon lavoro al nuovo Consiglio e alla nuova giunta che si insedieranno tra un mese.

Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...