mercoledì 24 giugno 2009

Appunti di viaggio, e di ritorno a Torino

Tornato a Torino dal viaggio Vienna-Budapest-Kosice, ci sono tante cose di cui scrivere, oltre alla bruttissima notizia commentata ieri. Non l'unica di questo periodo, in realtà.



La Repubblica Slovacca appare agli albori della fase post-sovietica: a parte il bellissimo centro storico di Kosice (seconda città nazionale per importanza), il resto è un po' deprimente. Tanti casermoni grigi con poche finestre qualche balcone rientrante, poca modernità, l'inglese parlato solo dai giovani, e nemmeno in tutti gli alberghi, un "partito" che incurante della storia continua a controllare fette di potere e rallentare il progresso, locali chiusi alle 10 di sera. 
In compenso, la ristorazione ha prezzi "pre-euro" e la birra costa quanto al supermercato da noi: con un euro e 30 (2600 "delle vecchie lire") ho preso una media (50 cl), rabboccata poi con una piccola (0.30 cl) da 80 centesimi (1600 "delle vecchie lire").



In un giorno ho potuto apprezzare Vienna, e ancora di più Budapest, visitata con maggiore calma. Molti bei posti da vedere sia a Buda (sponda destra del Danubio), sia a Pest. Complice una doppia visita all'enorme mercato coperto, situato in un bellissimo edificio, ho acquistato vino Tokai, vari paprika e salami ungheresi "pick", simpatici accessori in legno.



Nel frattempo, finalmente una bella notizia per il centrosinistra torinese, l'ampia vittoria di Saitta. Che non è proprio solo merito del presidente uscente, contrariamente a quanto dichiara. Grazie a questa vittoria, sembra momentaneamente scongiurato l'inizio della fine, anche se è bene essere realisti e non illudersi troppo. Sempre in virtù del successo del centrosinistra al ballottaggio, entra in Consiglio Provinciale anche la terza candidata PD dei collegi della Circoscrizione 2: l'amica Dina Bilotto, segretaria territoriale del partito, viene eletta in un collegio non facile, Santa Rita. 3 su 3 dunque per noi, e la soddisfazione di avere i migliori due risultati in Torino città (Mirafiori e Gerbido), secondi in provincia solo alla cara, rossa Collegno.

Il referendum elettorale, destinato a non raggiungere il quorum, ha stabilito il primato negativo di partecipazione. Poco interesse delle persone per la questione, ma anche tanti militanti allineati con le indicazioni della Lega e degli altri partiti che, per far fallire la consultazione, hanno usato la potentissima arma dell'invito all'astensione. In un periodo di scarso attaccamento alla politica e alla gestione della cosa pubblica, fa comunque impressione notare il divario tra votanti ai ballottaggi e al referendum: un numero considerevole di persone, invece di restare a cassa ha preso posizione e chiesto di ritirare solo le schede delle elezioni amministrative. In parte grazie alla discutibile propaganda/intimidazione del Ministro dell'Interno Maroni. Ma in parte è un discreto segnale di partecipazione politica, se non mi trova d'accordo nel merito, è posito in tempi di disaffezione politica e astensionismo dilagante.
Ma questa legge elettorale va cambiata!

Tornando al viaggio, un'informazione pratica e una nota di colore.
Se prenotate un volo per Malpensa e volete tornare a Torino in pullman, non credete al call center del gestore del servizio, che vi assicura perentoriamente che bisogna per forza prenotare e pagare il biglietto in anticipo, a costo di fare difficoltosi pagamenti online e stampe di ricevute mentre siete già in giro per il mondo. Per rendere ancora "migliore" il servizio, nemmeno le rivendite ufficiali della compagnia riescono ad utilizzare il nuovo sistema di vendita entrato "in funzione" dal 15 giugno. 
Dopo aver superato le suddette 12 fatiche di Ercole per pagare il biglietto e stamparlo, ieri sera ho visto salire metà dei passeggeri con gli euro in mano, e farsi dare il biglietto come se nulla fosse.

Infine, capita di trovare personaggi buffi in aereo: la giovane milanese seduta di fianco a me ieri era, come dire, la versione meneghina di Margherita Buy. Molto nervosa per un misterioso problema di bagagli che si era comunque risolto prima della partenza.

Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...