martedì 10 febbraio 2009

Addio Eluana

Si è conclusa la triste vicenda di Eluana Englaro. Si poteva forse concludere di nascosto, con la complicità di Stati o strutture compiacenti. Invece, tra le tante storie di dolore e malattia che restano nell'anonimato, questa è stata portata alla ribalta, strumentalizzata da tanti per fini politici e ideologici. Come sempre è stata occasione per fare polemica, per confondere i ruoli, per diffondere un mare di dichiarazioni e di versioni discordanti: sulle condizioni di Eluana, sul suo grado di coscienza, su ciò che le veniva iniettato.
Se è difficile convincere chi non crede del valore di qualunque vita, è forse troppo presuntuoso discutere delle condizioni di chi è o sembra in stato vegetativo, e del genitore che lo guarda impotente.
La somministrazione di acqua e cibo era stata sospesa sabato scorso. In anticipo sulla macabra tabella di marcia, ieri sera Eluana si è spenta.

*************************************************************************************

Il 10 febbraio si celebra il "Giorno del ricordo", per fare memoria delle vittime delle foibe, del massacro degli esuli istriani, fiumani e dalmati. La giornata, istituita nel 2004 con legge nazionale, contribuisce a ridurre la vergogna per l'insabbiamento della tragedia delle foibe, ignorata per decenni dai libri di storia.
Domani alle 17.30 nell'Ecomuseo della Cascina Roccafranca (via Rubino 45) avrà luogo una conferenza sull'esodo degli istriani. Interverrà Fulvio Aquilante, presidente del Comitato Esuli italiani da Istria, Fiume e Dalmazia.

Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...