lunedì 20 ottobre 2008

Mondo Nuovo apre un bottega in centro!

La cooperativa Mondo Nuovo, importante realtà del commercio equo e solidale torinese, il 29 novembre apre una bottega in centro, in via XX Settembre 67.

Riprendo la notizia dalla newsletter della cooperativa, presente nella Circoscrizione 2 con la bottega di via San Marino (la più grande della città):

NEL CUORE DI TORINO...UNA NUOVA BOTTEGA!

Aprirà a novembre una nuova bottega Altromercato in via XX Settembre 67, a pochi passi da via Garibaldi.
Questo grande progetto, che ci vede nuovamente impegnati in una stretta collaborazione con il consorzio Altromercato, ci consentirà di dare ampio spazio e visibilità ai produttori del Sud del mondo e al commercio equo e solidale in una zona di grande passaggio, nel centro storico di Torino.
E' una sfida importante e non facile per un'organizzazione non profit, ma nella quale crediamo molto e per la quale contiamo sull'appoggio e la partecipazione di tutti quanti avranno voglia di aiutarci e sostenere il progetto in vari modi".


Brutta notizia, non freschissima ma piuttosto grave.
Come riporta Libera Cittadinanza, il Parlamento ha convertito in legge il DL Tremonti 112/08 (la manovra estiva), aggiungendo l'articolo 23.bis, in cui si afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalistica. Il Ministro dell'Economia, che ultimamente fa e dice cose condivisibili e di sinistra, sfortunatamente stavolta non si è opposto. Queste le frasi critiche: "Il conferimento della gestione dei servizi pubblici locali avviene, in via ordinaria, a favore di imprenditori o di società in qualunque forma costituite. Ferma restando la proprietà pubblica delle reti, la loro gestione può essere affidata a soggetti privati. Tutti i servizi pubblici locali di rilevanza economica in materia di rifiuti, trasporti, energia elettrica e gas, nonché in materia di acqua".

L'acqua, il bene pubblico per antonomasia, necessario alla vita di chiunque, diventa una merce. Oltre al significato profondo, ci sono i risvolti pratici. Come già accade per le acque minerali, su cui ci sarebbe tanto da dire (ed è stato detto in precedenti post), anche l'acqua "corrente" sarà gestita da multinazionali. Ad esempio a Latina la multinazionale Veolia gestisce l'acqua locale e ha deciso di aumentare le bollette del 300%.

E proporre un referendum per abrogare la parte incriminata dell'articolo di legge? Se non è ancora stato fatto, suggeriamolo ai grandi trascinatori, come Beppe Grillo, sul cui blog si è già parlato del problema.





Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...