giovedì 31 luglio 2008

Italiani brava gente?

Il detto "Italiani brava gente", alla luce delle vicende storiche del secolo scorso, suona un po' falso. Ora anche il prestigioso Times ci dà contro, sebbene per colpe meno gravi. La mia reazione immediata è stata quella di elencare i motivi per cui gli inglesi dovrebbero guardare le loro travi prima delle nostre pagliuzze (alcolismo, servilismo nei confronti dell'ex colonia americana, ingestibilità dei giovani delinquenti, problema hooligan, ossessione per le vicende della famiglia reale, morboso isolazionismo che li porta a dire che siamo noi continentali ad essere "isolati" da loro), ma l'elenco non era poi così terrificante rispetto al nostro, nè gli italiani così estranei a quelle "colpe" (ossessione per le celebrità, compresi gli stessi reali inglesi). Inoltre nel caso degli hooligan da anni gli inglesi hanno sostanzialmente risolto il problema all'interno degli stadi. E in alcuni casi le accuse del quotidiano inglese erano inconfutabili.




Matthew Parris, osservando in particolare i "nostri" turisti a Londra, si chiede perchè siamo così maleducati. Già tre volte quest'anno, cercando di scendere dalla metropolitana, è stato spinto indietro nel vagone da «gente vestita con stile che spingeva per salire a bordo», prima che fossero scesi i passeggeri a bordo. La domanda successiva fa ancora più male perchè colpisce nel segno: «Come si concilia l'Italia moderna – consumismo, televisione spazzatura, dipendenza dalle firme di moda e irragionevole adorazione della celebrità – con l'Italia di Venezia, da Vinci, Verdi e dei Medici?». Infine: «La nostra teppa inglese [...] avrebbe capito che specie di uomo è Berlusconi in un istante». Touchè. Anche se forse ci sarebbe voluto un po' più di un attimo, sicuramente meno di 14 anni.





Massimo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...